Musei di Assisi
Musei di Perugia
Musei di Bettona
Musei di Bevagna
Musei di Torgiano
Musei di Spello
Musei di Foligno
Musei di Montefalco
Musei di Gualdo Tadino

Storie di Rocche
Storie di Castelli

Basilica di San Francesco
Basilica di S.M.d. Angeli
Chiesa di Santa Chiara
Chiesa di San Rufino
Eremo delle Carceri
Chiesa di San Damiano
Chiesa di San Pietro
Chiesa di S.M.Maggiore
Chiesa di S. Giacomo
Chiesa Nuova
Abbazia di S. Benedetto
Chiesa di S. Maria in Arce
Chiesa di S. Francesco Pic.
Chiesa di S. Stefano

Storie di Castelli

Palazzo
Fu denominato castello dopo la metÓ del XV secolo. Al suo interno si trova la bella chiesa di Santa Maria delle Grazie. Nei secoli numerose furono le modifiche apportate per la necessaria fortificazione a scopo difensivo, specie in previsione della battaglia tra Assisi e Perugia, dalla quale ne uscý vincitore. Palazzo fu al centro di molte altre vicende belliche e venne sempre considerato il castello pi¨ fedele ad Assisi.

Sterpeto
La sua costruzione risale all'incirca al XI secolo. Numerose le vicende che videro coinvolto il castello di Sterpeto, giÓ a partire dal 1319 quando si trovava sotto il controllo della guelfa Perugia, come avamposto militare contro i ghibellini di Assisi. Successivamente, il castello pass˛ sotto la giurisdizione dei Visconti di Milano. Nel 1443 Sterpeto fu sotto il potere di Braccio I Baglioni, figlio di Malatesta e genero di Braccio Fortebracci, il quale derub˛ gli abitanti di tutte le armi e del bestiame, e per tale reato fu subito allontanato. Dopo numerose battaglie nel 1462 torn˛ alla famiglia assisana dei conti Fiumi. La discendenza diretta si interruppe nel 1684; dopo una lunga causa con la Camera Apostolica, l'ereditÓ pass˛ a Paolo Emilio di Girolamo Ridolfo Roncalli e d'Almena Fiumi che ne riperse il cognome. Cosý facendo, gli eredi amministrarono la contea di Sterpeto sino alla prima metÓ dell'800. Il castello Ŕ posto sulla sommitÓ del borgo medievale e si pu˛ ammirare percorrendo la strada Pianello-Assisi. Una porta d'ingresso munita di torri immette il visitatore direttamente nel suggestivo borgo medievale e permette l'accesso, tramite una via stretta, alla massiccia torre posta alla sommitÓ del complesso edilizio.

S. Gregorio
Il castello Ŕ situato nei pressi di Pianello ed Ŕ oggi una delle fortificazioni pi¨ suggestive della zona. Sorse nel X secolo e venne fortificato due secoli pi¨ tardi, data la sua funzione strategica, divenendo pertanto importante sentinella della valle e del borgo. Fu una piccola cittadella autarchica con propria guarnigione militare. Il nome del castello e della chiesa presero origine da San Gregorio, martire di Spoleto morto durante la persecuzione degli imperatori Diocleziano e Massimiano( ca. 310 dc). Esistono soltanto pochi resti della chiesa a lui dedicata(consacrata nel 1120), che fu proprietÓ della cattedrale di S. Rufino. Alcuni pregevoli affreschi di Francesco Tartaglia sono oggi conservati nella pinacoteca comunale di Assisi. Il castello fu protagonista di grandi battaglie di predominio tra Perugia ed Assisi, sino alla fine XVI secolo. A poca distanza, in posizione dominante e suggestiva, si eleva un castello ottocentesco costruito dalla famiglia Bosco di Roveto. La fortificazione quadrilatera con alte torri angolari a merlatura guelfa, di forma circolare era l'antica residenza signorile tipica dell'epoca medievale; oggi Ŕ stata adibita a confortevole e suggestivo albergo ristorante.

Rocca Sant'Angelo
E' una fortificazione molto ben conservata. La Rocca possiede due porte di accesso: una situata a valle, formata da un arco a tutto tondo, e l'altra che guarda verso il monte, una tipologia questa comune alla maggior parte degli insediamenti distribuiti lungo il crinale del colle. Anche Rocca Sant'Angelo fu teatro di lotte, guerre e contese tra Perugia e Assisi. La rocca ebbe almeno tre chiese: Sant'Angelo appunto, il cui culto risale probabilmente all'epoca longobarda, Santa Maria del Castello e Santa Maria fuori del castello, quest'ultima denominata anche Santa Maria della Rocchicciola o Santa Maria in Arce. Fu proprio qui che sorse uno dei primi conventi francescani, un vero e proprio romitorio, appartato com'era dalla cittÓ di Assisi. Di quell'antico convento si possono ancora ammirare la struttura ed il chiostro, oltre agli affreschi di scuola giottesca e perugina che la chiesa di Santa Maria in Arce conserva ancora. Come arrivarci: provenendo da Assisi, quasi a metÓ tra Palazzo e Petrignano, si svolta a destra e, attraverso una stradina che si inoltra tra i campi e sale verso la collina in direzione nord est, si giunge al borgo medievale Rocca Sant'Angelo.

<< Pagina 2 di 3 >>

 
Assisinforma è un servizio ©2006 Global Center - tutti i diritti riservati